Due biomarker potrebbero predire l'efficacia della terapia Anti-VEGF nella cura della DME

21 marzo 2018

La presenza di due citochine presenti nel fluido del segmento anteriore dell’occhio possono predire un livello di risposta alla terapia con anticorpi monoclonali nei pazienti con Edema Maculare Diabetico, questo quanto suggerito da un report pubblicato su Medscape.

Ulteriori studi saranno necessari a validare la tesi, ma in caso di risposta positiva le prospettive di una più efficace risposta terapeutica si concretizzerebbero, risparmiando al paziente una lunga terapia e svariate iniezioni intravitreali con un esito insufficiente.

“La prospettiva di sottoporsi a molteplici iniezioni spaventa sempre il paziente”, ha affermato Rajeev Muni, MD, del St. Michael's Hospital, Toronto, Ontario, Canada, “la possibilità di misurare una proteina e di conseguenza predire l’efficacia di una terapia anti-VEGF, personalizzando efficacemente il miglior trattamento possibile sarebbe un modo molto efficiente per alleviare il peso della terapia per il paziente e risparmiare fondi del sistema sanitario sprecati in terapie che non danno i risultati sperati.”

Fonte


AISDO Onlus
Destina il 5 x 1000 ad AISDO