Fissare un'eclissi solare vi può lasciare un ricordo indelebile, sulla retina.

10 gennaio 2018

In occasione dell’eclissi solare americana dello scorso 21 agosto, molte persone hanno commesso l’errore di fissare direttamente il fenomeno senza adeguate protezioni danneggiando l’integrità della propria retina.

Quest’anno, grazie anche all’informazione diffusa, non ci sono stati casi di retinopatie solari che hanno portato ad una perdita permanente della vista; tuttavia Jama Ophthalmology ha riportato il caso di due pazienti con un danno alla retina incredibilmente preciso.

Una giovane donna di New York e un uomo di Sacramento hanno riportato ad un esame del fondo oculare un rigonfiamento sulla retina esattamente della forma dell’eclissi solare riportando fedelmente il grado percentuale dell’eclissi presente al momento nella loro zona. Come una sorta di "impronta fotografica" del momento, impressa però nel peggior posto possibile.

Sotto adeguate cure, il paziente di Sacramento ha recuperato del tutto la vista, mentre la paziente di New York ancora non è del tutto guarita.
A prescindere dallo stato di guarigione, in entrambi i pazienti questo “marchio” sulla retina resta ancora presente.  

 

Fonte
  


AISDO Onlus
Destina il 5 x 1000 ad AISDO