7 consigli per proteggere gli occhi e prevenire la degenerazione maculare senile

18 giugno 2018

La degenerazione maculare senile (AMD) è la più comune causa di perdita della vista e cecità nei paesi sviluppati tra i pazienti over 50. Solo negli stati uniti si contano circa 2.1 milioni di casi.
È una patologia che colpisce la parte centrale della retina, detta macula, provocando una degenerazione cellulare ed una perdita graduale della vista centrale. Il paziente affetto da AMD possono incorrere in enormi problemi a compiere le più basilari operazioni quotidiane, come la lettura, la guida e il riconoscimento dei volti.

Questa patologia non ha una vera e propria cura, ma se viene presa tempestivamente può essere mantenuta sotto controllo. A tale scopo l’American Academy of Ophthalmology ha pubblicato 7 consigli per proteggere i vostri occhi e prevenire la degenerazione maculare senile.

  1. Gettate le sigarette. Innumerevoli studi hanno dimostrato i rischi del fumo, molti di questi riguardano l’aumento significativo del rischio di sviluppare una degenerazione maculare.
  2. Una dieta sana e bilanciata. Molti studi dimostrano che una dieta ricca di frutta, verdura e ricca di antiossidanti come la dieta mediterranea possono ridurre il rischio di sviluppare l’AMD. Molto importante è l’apporto di Omega 3 derivato da un frequente consumo di pesce fresco.
  3. Occhio alle vitamine. Un corretto dosaggio di vitamine può fare molto bene alla salute del vostro occhio. Molti integratori tuttavia potrebbero avere delle quantità di vitamine sbilanciate e quindi inefficaci, attenzione quindi all’apporto vitaminico: un dietologo può suggerirvi le quantità corrette da assumere.
  4. Fate attività fisica regolare. Fare esercizio fisico tre volte alla settimane riduce il rischio di AMD addirittura del 70%.
  5. Usate una griglia di Amsler. Un semplice esame diagnostico che potete fare anche a casa vostra può permettervi di diagnosticare una degenerazione maculare molto precoce. Se notate qualche distorsione con questo sistema rivolgetevi subito da un oftalmologo professionista.
  6. Considerate i casi in famiglia. Avere dei parenti che soffrono di degenerazione maculare senile potrebbe rendervi predisposti a sviluppare la patologia con un rischio aumentato del 50%. Se uno dei vostri parenti stretti dovesse avere questa patologia rivolgetevi ad un esperto.
  7. Fate controlli periodici e frequenti. Il consiglio più importante, dato che l’AMD può colpire senza alcun preavviso. Fare delle visite periodiche da un oftalmologo per permettere una diagnosi precoce renderà possibile un efficace trattamento della patologia prima che possa fare gravi danni alla vostra vista. L’American Academy of Ophthalmology consiglia per tutti uno screening dopo il quarantesimo anno di età - età in cui l’AMD può potenzialmente iniziare il suo sviluppo nella fase asintomatica. Passati i 65 anni si consiglia inoltre di fare un controllo all’anno ogni anno o al massimo ogni due anni anche in assenza di sintomi più gravi.

“Le nuove terapie e le nuove tecnologie riescono a mantenere più a lungo stabile la patologia proteggendo la vista, ma per garantire una buona riuscita è essenziale prendere l’AMD nelle sue primissime fasi”, afferma Rahul N. Khurana MD, rappresentante clinico dell’American Academy of Ophthalmology. “Un semplice esame agli occhi all’età di 40 anni e un esame ogni 1-2 anni dopo i 65 anche in assenza di sintomi potrebbe salvarvi la vista”.

Fonte


AISDO Onlus
Destina il 5 x 1000 ad AISDO